Limiti al potere giudiziario? in Usa li eleggono dal 1848
Limiti al potere giudiziario? in Usa li eleggono dal 1848

Indice

Abstract. tra il 1846 e il 1853 venti Stati della Federazione adottarono il sistema elettivo: i giudici erano legittimati direttamente dalle nuove Costituzioni statali, ma da esse venivano anche le regole che ne stabilivano i limiti di mandato, di solito di sette anni, e le modalità di elezione, di solito stabilite nell’elezione diretta a due candidati contrapposti in quel sistema sostanzialmente bipartito.

Di Riccardo Fratini

fatti degli ultimi anni hanno molto cambiato la percezione del Paese sul ruolo del ramo giudiziario sulla vita del paese. Se dopo tangentopoli e le mafie era diffusa la convinzione che la classe dei giudici potesse essere la garanzia della legalità, oggi questa immagine luminosa della categoria si è molto adombrata.

Naturalmente le massimizzazioni sono sempre erronee, ma è evidente che la magistratura, e tutto il mondo legale di cui essa è il fulcro, vive una forte crisi reputazionale.

Un problema che deriva in parte dalla sensazione di “politicizzazione” che investe il mondo giudiziario. Molti si sono fatti – a ragione o a torto – questa idea che l’autogoverno dei magistrati produca frutti non sempre eccellenti, se non altro perché, come diceva anche Montesquieu in tempi non sospetti, “anche la virtù ha bisogno di limiti”.

L’esperienza degli Stati Uniti

Una questione del tutto analoga si era posta negli Stati Uniti già alla metà del secolo XIX, quando la rapida espansione aveva generato una molteplicità di “nuove” costituzioni statali che ricalcavano il sistema di nomina già vigente nella Costituzione federale americana: i giudici venivano nominati dal Governatore, così come quelli delle Corti federali dal Presidente. Nel panorama locale (che al tempo era davvero ristretto in un’America poco abitata), tuttavia, le dinamiche della politica locale finivano per influenzare troppo profondamente le nomine e questo si traduceva in una connivenza profonda tra una parte politica (quella che nominava o confermava) e il giudice che sedeva sulla sbarra.

La stagione delle riforme del 1848, quando l’Europa iniziava a dotarsi di costituzioni nazionali, significava per gli Stati Uniti l’inizio di questa riflessione. Una conclusione possibile era il passaggio ad un sistema concorsuale di nomina tecnica simile a quello di stampo francese (e al nostro), che avrebbe annullato ogni influenza politica sul braccio giudiziario e con essa, secondo le discussioni del tempo, anche ogni controllo democratico sui giudici.

La soluzione di mezzo veniva ideata e fortemente sostenuta dal Presidente Andrew Jackson, secondo cui “i Giudici non dovrebbero essere indipendenti dal popolo e non dovrebbero restare in carica più di sette anni. il popolo rieleggerà sempre i giudici capaci”. Moltissimi lettori si trovano quantomai in disaccordo con questa affermazione quando vi incappano, ma per giudicarla bene occorre chiedersi se il concetto di “capace” che declinava Jackson coincida con quello che oggi noi giudichiamo un giudice “capace”.

Basti dire che le preoccupazioni non mancavano anche negli Stati Uniti oltre un secolo fa e che certi deputati della Convenzione di New York, primo Stato ad adottare il sistema, ritenevano che il sistema elettivo avrebbe condotto i Giudici a “conformarsi ai capricci popolari, ai pregiudizi, o alle momentanee passioni del pubblico”.

Nonostante queste perplessità, tra il 1846 e il 1853 venti Stati della Federazione adottarono il sistema elettivo: i giudici erano legittimati direttamente dalle nuove Costituzioni statali, ma da esse venivano anche le regole che ne stabilivano i limiti di mandato, di solito di sette anni, e le modalità di elezione, di solito stabilite nell’elezione diretta a due candidati contrapposti in quel sistema sostanzialmente bipartito. Era il nuovo modello di controlli e contrappesi, che limitava tutte le parti del governo e quindi anche il braccio giudiziario.

Il piano per il merito o “missouri plan”

Come tutti i sistemi umani, anche quello dell’elezione diretta della magistratura portava con sé una serie di problemi.

Nel corso degli anni ’30 del XX secolo, il pubblico americano stava diventando sempre più insofferente verso i partiti e, di conseguenza, verso il ruolo che questi avevano nella selezione dei giudici nel modello originario. I partiti potevano direzionare i voti della propria maggioranza su un candidato, anche quando non si trattava di una esplicita votazione partitica.

Questo influenzava non solo la selezione delle persone dei giudici, ma anche le loro singole decisioni, che venivano sempre “controllate”, in ultima analisi, dal sistema dei partiti. In ultimo, problema non minore, i giudici dovevano spendere così tanto tempo a fare le campagne elettorali l’uno contro l’altro da lasciarne ben poco al lavoro, con conseguente congestionamento del casellario che si riempiva di cause mai decise.

Così, nel novembre del 1940, si provava a correggere questi problemi, ma senza modificare la possibilità di controllo del popolo sui giudici: l’obiettivo era rendere le elezioni meno politicizzate e più attinenti al gradimento del popolo per il lavoro del Giudice.

Era una legge di iniziativa popolare ad emendare la Costituzione del Missouri, con l’adozione del Nonpartisan Selection of Judges Court Plan, piano per la selezione non partitica dei giudici, che passò poi alla storia con il nome di Missouri Plan. Da quel momento il piano fu adottato in oltre trenta degli Stati americani ed è diventato il modello più diffuso dell’elezione giudiziale.

Il senso più profondo del piano è la selezione dei giudici sulla base del merito professionale, senza sottrazione di sovranità popolare sull’organo. Di conseguenza, ai fini della selezione dei nuovi giudici, in un primo momento, una commissione non politica, di solito composta a sua volta di giudici, valuta i candidati, fa i colloqui e seleziona un gruppo di tre candidati eleggibili per solo criterio di merito. Tra questi tre, a questo punto, quando la professionalità dei candidati è garantita, la scelta tra i tre è rimessa al Governatore di uno Stato o comunque ad un rappresentante dell’esecutivo.

A questo punto, il fortunato che è stato selezionato dal Governatore diventa giudice e il lettore comincerà a chiedersi dove sia l’elezione. L’elezione arriva dopo certo tempo, quando il giudice ha potuto lavorare e dare prova di sé alla sbarra, senza spendere soldi e tempo nella campagna elettorale.

Dopo un certo periodo, però, le scelte fatte alla sbarra diventano abbastanza per valutare il lavoro svolto. Solo a quel punto si va all’elezione ed il giudice può essere votato per proseguire il lavoro oppure lasciarlo.

Le differenze sono molte: innanzi tutto il giudice non corre contro un avversario, ma solo contro la sua storia di decisioni. Decisioni che al Popolo potrebbero apparire contrarie al proprio sentimento oppure anche solo irragionevoli. Comunque, non essendoci un avversario, non si crea quella polarizzazione che è propria delle elezioni dirette.

In secondo luogo, anche qualora il giudice fosse votato per non restare al suo posto, l’elettorato vedrebbe sempre garantita la competenza del suo successore attraverso il meccanismo di selezione della scelta per merito.

Questo tipo di elezione viene comunemente definita retention election, che letteralmente significa elezione di “trattenimento” dell’ufficio, e che, per evitare questo orrore di cacofonia, chiameremo, nel seguito, solo “conferma”.

Essa rendeva enormemente più attenuata la rilevanza dei partiti nel sistema elettivo, che invece tornava ad essere in auge solo quando il giudice per primo si carica di decisioni ad alto valore politico.

Il 3 aprile del 2009, un gruppo di tre giudici della Corte Suprema dell’Iowa appoggiavano l’opinione della Corte Distrettuale di garantire a sei coppie dello stesso sesso di poter accedere al matrimonio omosessuale, che era già presente in molti altri Stati americani.

L’Iowa è, però, uno stato singolare in cui, nonostante non sia vigente alcuna discriminazione nei confronti delle persone con quell’orientamento sessuale, l’elettorato era, almeno a quel tempo, scarsamente avvezzo a concepire un matrimonio del genere. La decisione, peraltro, era estremamente discrezionale, dato che i Giudici avevano tratto il principio dall’interpretazione della clausola di uguaglianza davanti alla legge contenuta nella Costituzione dello Stato, che nulla diceva esplicitamente sul tema.

L’anno successivo, due dei tre giudici che avevano preso la decisione vennero sottoposti al vaglio delle urne secondo il sistema del Missouri Plan ed il sentimento conservatore dell’elettorato prevalse, rimuovendoli dall’ufficio.

Era la prima volta nella storia dello Stato dell’Iowa che un giudice perdeva un’elezione.

Per quanto si possa ritenere criticabile la scelta sostanziale, non si può che ammettere la profonda democraticità di questo procedimento, che obbliga l’élite giuridica di un Paese a tenere conto del sentimento che alberga nei cuori della maggioranza del popolo, mentre, senza controllo, una minoranza che si ritenga più “illuminata” del Popolo a cui appartiene potrebbe cadere nel tranello di imporre, a colpi di sentenze, ciò che il popolo non ha avuto il tempo di maturare come pensiero diffuso.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
altri
articoli